Luciano Corradini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Pubblicazioni Saggi e articoli
Pubblicazioni

Valori e rischi relativi al Tricolore e alla Costituzione

E-mail Stampa PDF

Valori e rischi relativi al Tricolore e alla Costituzione (in Avvenire 17 3 011)

Lo sventolio del Tricolore e del testo della Costituzione, che ha caratterizzato la manifestazione del 12 marzo in diverse piazze d’Italia, è stato salutato come un segno di maturità e di speranza per il nostro Paese, ma anche come un evento che contribuisce ad approfondire le sue divisioni culturali e politiche, con la “strumentalizzazione” di quei simboli. Tricolore e Costituzione simboleggiano i valori espressi, in estrema sintesi, dai due motti latini scolpiti sul Vittoriano, che è dedicato appunto all’unità della patria e alla libertà dei cittadini.

 

Non è certo scandaloso che, in nome di questi simboli universali, un certo numero di cittadini si mobiliti per difendere valori costituzionali che ritiene sacrificati più o meno gravemente e colpevolmente dal Governo e dalla Maggioranza. Questo rientra nelle regole del gioco, essendo la Costituzione da un lato un complesso di garanzie, dall’altro un impegno programmatico a realizzare sempre più e sempre meglio nella prassi i principi e i valori che tutti hanno il dovere di riconoscere e promuovere.

Leggi tutto...
 

Educazione e testimonianza da un punto di vista cristiano

E-mail Stampa PDF

Educazione e testimonianza

da un punto di vista cristiano

di Luciano Corradini

in Studium, 4.2010 , pp.591-606

 

Introduzione: significati e condizioni del testimoniare

" L’uomo contemporaneo ascolta più volentieri i testimoni che i maestri, - dicevamo lo scorso anno ad un gruppo di laici – o, se ascolta i maestri, lo fa perché sono dei testimoni ". Così Paolo VI in un testo del 1975[1]

Testimone è chi fa fede di qualcosa, attestandola con la propria autorità o con  comportamenti coerenti con la verità che afferma.  L’insegnante, il maestro, dispone certamente di autorità sul piano istituzionale, ma non è per ciò stesso autorevole. Questa autorevolezza, sostiene il Papa bresciano, deriva dalla sua credibilità, cioè in gran parte dalla coerenza che manifesta fra la scienza o la dottrina che professa e  i suoi comportamenti concreti. Ciò vale in particolare per la fede cristiana, che riguarda eventi, rivelazioni e messaggi la cui plausibilità non deriva tanto da una dimostrazione, quanto da un racconto  di chi ha visto e udito (“Voi sarete miei testimoni”[2]), che si fa esperienza di vita soggettivamente vissuta e manifestata nei comportamenti.

Leggi tutto...
 


Pagina 5 di 5

I miei libri

Fai click sul libro per maggiori dettagli
Banner